Back to top

Fiat e Telecom protagonisti della prima ottava

Fiat e Telecom protagonisti della prima ottava del 2014Gennaio 2014. L’anno appena entrato parte con una correzione dei mercati finanziari, in rottura con la consuetudine degli ultimi anni. Niente di straordinario per l’azionario, dopo mesi di ascesa, mentre le commodities hanno subito qualche colpo a causa del rientro della divisa unica verso l’1,36 contro l’USD.

Questa volta l’oro non ha subito ulteriori ribassi, anzi ha recuperato portandosi a 1230 dollari l’oncia, mentre il petrolio WTI è crollato da 99 a 95, sfiorando pericolosamente il supporto in area 92 - 93 dollari al barile. Il rame ha chiuso a 7320, dopo un passaggio a 7460.



Da martedì 7 gennaio, finite le festività, avremo modo di osservare le caratteristiche e comportamenti dei volumi che torneranno alla normalità, quindi si potranno anche vedere le reali intenzioni dei trader.

I protagonisti della prima ottava dell’anno a Piazza Affari
I titoli di Fiat e Telecom sono gli exploit settimanali del listino milanese che, grazie anche ad un ulteriore calo dello spread, chiude la prime settimana del 2014 con un rialzo importante: Ftse Mib +0,82% a 19112 punti e l’All Share +0,90%.
Giovedì 2 la notizia dell’acquisizione di Chrysler che diventa tutta italiana, nella giornata seguente il titolo Fiat schizza a +15,85%.
Venerdi 3 Telecom è la migliore blue chips della settimana, che dopo le smentite della vendita di Tim Brasil il titolo accelera sensibilmente chiudendo l’ottava con un significativo +5,65%.

Una scossa alla Borsa valori di Milano è stata data anche da Yoox che ha chiuso a +8,80%.

Marcia trionfale dei marchi automobilistici tedeschi
Momento favorevole per il mercato automobilistico tedesco. Nel 2013 sono state prodotte 5 milioni e mezzo di autovetture, tre quarti di queste destinate al mercato estero. Ma il dato più rilevante è che non hanno mai prodotto così tante auto e venduto tanto come nel 2013.
Ad alzare ulteriormente il morale sono gli ordinativi per l’estero, che in dicembre sono stati del 14% superiori del mese precedente.

Guida Forex online: