Back to top

Gli investitori restano prudenti

Investitori prudentiGiugno 2013. La volatilità resta alta sul mercato delle valute e sull'azionario, quest'ultimo corregge ancora al ribasso le quotazioni di Piazza Affari registrando una nuova perdita del 3,22%. Tokyo perde quasi il 25% rispetto gli ultimi massimi e la divisa unica europea raggiunge quota 1,33 contro il dollaro americano.

L'interesse degli investitori per le materie prime è raffreddato.

Il petrolio è l'unica eccezione, dove il WTI ha superato i 97 dollari al barile sulla scia della driving season, mentre per i preziosi continuano il periodo nero, con l'oro che fatica a riprendere quota 1400 dollari e l'argento che si indirizza verso i 21.

Se gli investitori sono troppo prudenti i consumatori dovrebbero approfittare dei prezzi in euro con un particolare occhio di riguardo al secondo semestre.

Metalli
I tre giorni di festività in Cina hanno comportato un riduzione degli scambi, poi ritornati a livelli accettabili negli ultimi due giorni della settimana. Ma il fatto più curioso è l'astensione degli acquisti del rame da parte dei trader orientali nonostante l'arbitraggio a loro favore. Il metallo rosso è oscillato attorno ai 7100 dollari, rimanendo sempre sopra il muro dei 7000.
Il nickel, anche questa settimana, si aggiudica la maglia nera rimanendo vicinissimo ai prezzi di produzione (14000 dollari). Zinco e alluminio hanno ceduto terreno ma rimanendo sempre in area 1860.

Milano
Listini sempre sotto pressione con l'indice Ftse Mib che perde per la seconda ottava consecutiva oltre il 3%.
Male i bancari con Mps (-12,24%), Uni (-10,05%), Banco Popolare (-7,28%), Intesa (-4,71%), Unicredit (-3,54%), Mediobanca (-2,76%).

Le prese di beneficio seguite da un periodo rialzista sono dovute ai timori sull'operato delle banche centrali. In particolare sulla Federal Reserve, le preoccupazioni sono legate ad un possibile alleggerimento della politica monetaria per stimolare l'economia stelle e strisce.

Dal fronte europeo preoccupa il programma Omt, dove la Corte costituzionale tedesca ha avviato le udienze per giudicare la legittimità sull'acquisto di titoli di Stato, con i quali la Bce ha garantito la tranquillità sui mercati.

Guida Forex online: