Back to top

Mercati in attesa

Mercati in attesaSettembre 2013. I mercati hanno assistito ad un'ottava di attesa, nel prolungarsi di un intervento militare internazionale in Siria. Qualche novità è giunta dalla conferenza del presidente della Banca centrale europea, che ha assicurato tassi bassi ancora per un lungo periodo: l'effetto è stato un'indebolimento della divisa unica europea, scesa a 1,31 contro il dollaro.
L'azionario ha proseguito il recupero della correzione del mese scorso, mentre il petrolio ha oscillato per tutto il periodo chiudendo a 109 dollari al barile.


Gli effetti valutari hanno influenzato i preziosi, con l'oro in calo a 1.370 dollari l'oncia e l'argento a 23.

La Borsa di Milano
Telecom (+15,01%) è il miglior titolo del Ftse Mib, trascina Piazza Affari interrompendo il trend negativo delle ultime due settimane d'agosto chiudendo con il segno più: l'indice Ftse Mib risale a 17.047 punti con un progresso del 2,19%, l'All Share guadagna l'1,94%.

Quadro Pil Paesi del G8
Quadro Pil Paesi del G8 (2013)Se il rischio viene misurato in percentuale del prodotto interno lordo abbiamo valide ragioni di preoccuparci. Difatti, mentre tutte le economie avanzate hanno ritrovato la crescita, l'Italia continua a scendere. Stando ai dati dell'Ocse il Pil del nostro Paese diminuirà dell'1,8% entro la fine dell'anno.

L'anomalia sta nel uniformare gli squilibri esistenti tra gli stati membri dell'Ue, risolvendo il problema del rischio finanziario e rimettendo a posto le riserve di capitale delle banche. L'Ocse invita le banche centrali ad un ulteriore sforzo nelle politiche monetarie non convenzionali. Consigliando alla Fed un mantenimento dei tassi di interesse a livello basso, mentre alla Bce di mantenere condizioni più accomodanti sul fronte della disponibilità del credito.

Le banche italiane sono il vero tasto dolente. Stritolate da crediti, costi sempre più alti e cattive gestioni, non sono più in grado si rilasciare prestiti alle imprese e, di conseguenza, ad aiutare il rilancio dell'economia interna per agevolare l'uscita dalla recessione.

Guida Forex online: