Back to top

Quando shortare i massimi nel daytrading

Quando shortare i massimi nel daytradingPremesso che shortare i massimi è l'eccezione, per comprendere quando conviene shortare nel daytrading dobbiamo conoscere bene le regole del mercato. Questo è l’elemento principale per capire il sistema delle contrattazioni.
Poi dobbiamo sapere che la quasi totalità dei grandi mercati (bull) e liquidazioni (bear), sono influenzati dai comportamenti dei fondi pensione e dei fondi comuni d’investimento. Ossia da beni di tipo compra e mantieni (buy and hold), gestiti dagli investitori istituzionali che difficilimente vendono le loro posizioni.

Perchè quando acquistano lo fanno sempre in correlazione dei nuovi massimi, impossessandosi di titoli relativamente forti. Mentre uno degli errori più comuni dei trader è quello di shortare i massimi, cercando di prevedere un unico e solo massimo.

Dov'è l’errore? Nella realtà un mercato rialzista può persistere per anni e solo in un fatidico giorno raggiungerà il suo valore massimo. Shortare per i restanti 500 o 1000 giorni dove il mercato raggiunge nuovi massimi, in previsione di quel profetico momento più alto, non è altro che una strategia sbagliata e inevitabilmente fallimentare. Contrariamente, se sappiamo attendere per tre/quattro giorni, risulterà essere una strategia vincente quella di aver comprato dei nuovi massimi. Questo perché, normalmente, la durata media di un tipico pull-back (momento nel quale il trend si prende una pausa) in un mercato in forte avanzata, prima che ricapiti un altro movimento rialzista di sette/otto giorni seguito da un altro pull-back di due/tre giorni trascorre del tempo.

Difatti, le società private, gli enti ed anche le società di daytrading non shortano mai le azioni che hanno da poco registrato nuovi massimi. Questo perché quando il mercato è laterale per una settimana o due e poi tocca un nuovo massimo, assisteremo a molti acquisti che contribuiranno a rialzarlo per altre due o tre settimane.

L'irresistibile tentazione di shortare i massimi
Abbiamo appena spiegato perché non conviene shortare i massimi. Anche se capita di vedere abbastanza frequentemente trader che lo fanno! Questo cosa significa? E' sbagliato o no shortare i massimi?
Tecnicamente è sbagliato ma sporadicamente possiamo farlo.

Quando conviene shortare?
Chi conosce i movimenti ciclici dei mercati è anche in grado di applicare dei metodi per individuare le inversioni del trend, ossia delle tecniche che ci permettono di ottenere dei segnali di cambi di direzione al ribasso, posizionando uno stop sul massimo. Inoltre, è possibile fare dei piccoli scalping sfruttando il metodo overlap.

I trader predisposti all’alto rischio non esitano a filtrare i titoli usando le medie mobili a breve termine, che gli permettono di individuare gli asset più lontani dalla media mobile, ossia quei titoli che potenzialmente hanno una forte richiesta.

Guida Forex online: