Back to top

Angoli per calcolare la spinta dei mercati

Angoli per calcolare la spinta dei mercatiNell’analisi grafica gli angoli sono una specie di media mobile in linea retta che servono per calcolare la spinta dei mercati.
Poco utilizzati nel forex ma quasi indispensabili per fare delle previsioni accurate sul movimento degli indici di Borsa. Gli angoli servono per indicarci dove sono gli acquirenti e i venditori, dato fornito attraverso la spinta del movimento del prezzo su un grafico. Essi ci suggeriscono solo un elemento marginale, in quanto gli angoli sono dei target approssimati incapaci di mostrarci gli effettivi livelli di supporto e resistenza.

Perciò, per non barcollare nel buio, se vogliamo individuare le inversioni del trend siamo costretti a ricavare anche dei dati di supporto e resistenza. Solo quando tutti i target combaceranno potremo prevedere un cambio di direzione del trend. Dopodiché possiamo:
1. Acquistare o vendere solo in corrispondenza di target precisi.
2. Per essere matematicamente sicuri che il trend sia cambiato, utilizziamo una barra segnale d’inversione astenendoci dal comprare o vendere al contatto con l’angolo, ma sfruttando quel punto per posizionare uno stop ravvicinato.
3. Se nel nostro grafico abbiamo un angolo nelle prossimità dobbiamo vendere al target calcolato o attendere che entri in “azione” il nostro stop.
4. La regola dice che alla rottura di un angolo il prezzo va verso l’angolo inferiore seguente.

Comportamento dei pattern fondamentali
Molti trader pensano che alla rottura di una trendline corrisponda il cambiamento del trend. Effettivamente alcune volte può capitare, ma nella maggior parte dei casi si tratta solo di una perdita di spinta. Per cambiare un trend ci deve essere la rottura dei livelli orizzontali di supporto e il compiersi di pattern di minimi e massimi decrescenti. Alla rottura di una trendline ripida, normalmente, corrisponderà un crollo verso il successivo angolo, poi si ripristinerà il trend esistente.

Nell’analisi dei timeframe a lungo e breve termine. Noteremo che quelli settimanali o mensili (timeframe a lungo termine) restano invariati, mentre quelli a breve termine si dirigono verso un cambiamento di trend. Con gli angoli la regola è che quando se ne rompe uno, viene sostituito dal successivo. Fino a quando gli angoli sono ascendenti, teoricamente il trend è rialzista. Viceversa, il trend ribassista impiega gli angoli con pendenza discendente, ma anch’esso necessita della rottura dei livelli orizzontali.

Angoli di 45 gradi
Esistono diversi metodi di trading improntati sugli angoli a 45 gradi, il punto di forza è rappresentano dall’avanzamento orizzontale e verticale di una unità (uno a uno), questo permette la divisione del tempo e del prezzo in unità uguali. Però quasi tutti hanno bisogno di essere affiancati con altre metodologie per essere veramente efficaci.

Guida Forex online: